Oh.my.gossip.sarà sul sistema di voto che si misurerà la tenuta dell’asse lega-forza italia

BERLUSCONI E SALVINI, QUANTO DURA? – SARÀ SUL SISTEMA DI VOTO CHE SI MISURERÀ LA TENUTA DELL’ASSE LEGA-FORZA ITALIA – QUALORA SI APRISSERO I GIOCHI PER UN SISTEMA PROPORZIONALE, LA PARTITA DENTRO FORZA ITALIA SI RIAPRIREBBE NUOVAMENTE. E ANCHE CHI ADESSO MOSTRA MALESSERE VERSO IL CAV SENZA ORGANIZZARE UN PIANO B POTREBBE USCIRE ALLO SCOPERTO…

 SALVINI BERLUSCONI OSHO SALVINI BERLUSCONI OSHO

[1965900] SEPARAZIONE CONSENSUALE

Il piano sotto traccia dei moderati di FI incluso nel contratto di una relazione consensuale a Berlusconi, compilato in base a un modello di Italia Viva, incluso se nel campo del centrodestra. Tuttavia l'idea, in cantiere da settimane, stenta a decollare. Del resto anche il Cavaliere in un primo momento aveva pensato di potersi distaccare da Salvini e Meloni per poi tornare subito sui suoi passi.

«Lo spazio al centro non c'è», ha spiegato a chi come Letta ed altri spiegato voluto che non andasse in piazza. E quei pochi fischi ricevuti a causa di un intervento dal palco considerato troppo lungo non ha fatto cambiare idea al Cavaliere. Il prossimo passo è quello legato alle regioni, con il partito di via Bellerio che potrebbe anche abbattere il muro sulla candidatura di Occhiuto in Calabria (gli azzurri comunque e sarebbero da soli) e lasciare a FI la Campania ea FdI Marche e Puglia. [19659012]

 matteo salvini silvio berlusconi matteo salvini silvio berlusconi

Ma Berlusconi, Meloni e Salvini, con la prova di ieri, hanno messo il primo mattone per un elenco unico di centrodestra, anche se il presidente di FdI non intende a priori cedere come ha fatto invece il Cavaliere lo scettro al Capitano. Insomma la fibrillazione in Forza Italia resta, soprattutto per il timore che Salvini potrebbe concedere poco o nulla agli alleati. E anche in Fratelli d'Italia la polemica sui simboli della piazza non è stata completamente digerita.

Ma quel quadro non scontato – alla fine della manifestazione con i tre leader abbracciati, quell '«uniti si vince» ripetuto da Salvini, Berlusconi e Meloni ha spazzato perlomeno per un giorno tutte le liti sul campo. Il leader del partito di via Bellerio ha avuto parole di elogio per «l'amica Giorgia» e per «il fondatore» della coalizione, soprattutto al Cavaliere ha concesso l'onore delle armi. E ha sancito una volta per tutte che sarà lui a dare le carte.

 salvini berlusconi salvini berlusconi

Nel suo intervento non ha mai citato la parola «centrodestra», un segnale che pensa a qualcosa di nuovo, ad un progetto più inclusivo, che in parte dal territorio e che afferma, che metta dentro tutte le esperienze civiche. Ma intanto viene ricompattato è partita e quella parentesi con M5S è chiusa definitivamente. Anzi Berlusconi e Meloni (descritto ha rilanciato il «patto anti-inciucio») sono convinti che Salvini si sia pentito di aver abbracciato la causa di Di Maio e Conte.

Ed ora l'articolo del Capitano sarà proprio quello di disarcionare l'Avvocato del popolo. Chiedendo che verrà in Aula «in nome della trasparenza» a riferire sul caso Russiagate. Non che ci sia il convincimento che il governo possa andare a casa neanche dopo il voto in Umbria. «A meno che continua a dire il responsabile del Viminale ai suoi Renzi non lo faccia saltare sul serio». Matteo osserva tutte le diatriba nel governo sulla manovra ma ripone le speranze di un voto anticipato da solo nell'altro Matteo. E nel frattempo nell'eventualità che l'esecutivo ricevuta durare a lungo – ha convinto i suoi alleati a non intavolare con la Meloni l'accordo era già siglato alcuna trattativa sulla legge elettorale.

 SALVINI BERLUSCONI SALVINI BERLUSCONI

PIANO B

Sarà proprio sul sistema di voto che si misurerà il ritrovato asse Lega-FI. Se si aprisse i giochi in Parlamento su un sistema proporzionale, la partita dentro Forza Italia si riaprirebbe nuovamente. E anche chi now mostra malessere senza organizzare un piano B 'potrebbe uscire allo scoperto. Il risultato in Umbria sarà comunque un banco di prova importante. «Il governo scricchiolerà ancora di più», il ritornello tra i leghisti mentre in FI molti temono che il partito potrebbe esplodere.

Source link

08-Garcinia-CTA-300x280_it