Ricordando Anthony Bourdain: guarda indietro alla sua vita nelle immagini 1 anno dopo la morte

 Anthony Bourdain

Vladimir Weinstein / BFA / REX / Shutterstock

È passato un anno da Anthony Bourdain tragico decesso .

L'8 giugno 2018, il mondo apprese che la celebrità culinaria era morta dal suicidio all'età di 61 anni. Bourdain si era impiccato nel bagno della sua camera d'albergo in Francia e fu trovato da solo e insensibile dal suo amico e collega chef É ric Ripert . Era stato nel paese a girare un episodio di Parts Unknown prima che gli tolse la vita.

Dopo la notizia della tragedia, diverse celebrità e chef hanno pubblicato tributi alla star della TV sui social media. La sua ragazza, Asia Argento anche pianse la sua morte .

"Anthony ha dato tutto se stesso in tutto ciò che ha fatto", ha twittato in quel momento. "Il suo spirito brillante e impavido ha toccato e ispirato così tanti, e la sua generosità non ha avuto limiti: era il mio amore, la mia roccia, il mio protettore.

Fu cremato una settimana dopo.

Bourdain entrò nel mondo culinario da umili origini. Secondo il Culinary Institute of America, di cui Bourdain era un allume, iniziò la sua carriera lavorando come lavapiatti a Provincetown, Massachusetts, dopo una pausa dal Vassar College. In seguito ha deciso di affinare le sue capacità iscrivendosi all'Istituto e diplomandosi nel 1978. Successivamente, ha lavorato per numerosi ristoranti rinomati, tra cui la Rainbow Room, il Supper Club, il Coco Pazzo Teatro e la Brasserie Les Halles.

Tuttavia, i tempi non erano sempre facili per Bourdain. In un'intervista del 2018 con Biography.com ha aperto la sua battaglia con la dipendenza, che alla fine ha superato.

"Ho perso l'eroina negli anni '80", ha ricordato. "Amici dei miei anni '70 e '80, sono appena scesi da cinque, sei, forse dieci anni fa e siamo fortunati, ce l'abbiamo fatta viva, ci sono un sacco di ragazzi che non hanno così lontano. Ma sai, anche io non ho tanti rimpianti. "

 Anthony Bourdain" data-width = "1024" data-height = "759

Nicholas Hunt / Getty Images per Turner [19659016Prestol'influenzadiBourdainsiesteseoltrelacucinaHainiziatoascrivereehascrittounsaggiomoltopopolareper The New Yorker nel 1999 intitolato "Do not Eat Before Reading." Ha continuato a scrivere numerosi libri, tra cui Kitchen Confidential e Medium Raw: A Bloody Valentine per il World of Food .

Anche se la sua carriera era in aumento, Bourdain ha ancora faticato per trovare il successo.

"Oh, amico, all'età di 44 anni, ero in cucina, non sapendo cosa significasse andare a dormire senza essere in un terrore mortale", ha detto a Biography.com. "Ero in debito orribile, infinito, irrevocabile, non avevo un'assicurazione sanitaria, non pagavo le tasse, non potevo pagare l'affitto, era un incubo, ma è stato tutto diverso per circa 15 anni. sembra che la mia vita sia confortevole, beh, questa è una cosa molto nuova per me. "